APR (Droni) Workshop ENAC del 22 Gennaio 2014

Rosati58

Time-lapser attivo
#1
Workshop ENAC 22 Gennaio 2014

Impressioni a freddo… IO c’ero!

Descrizione Evento
Il workshop in realtà non c’e stato, la mattinata è trascorsa ascoltando una serie di interventi descrittivi e riassuntivi del Regolamento ENAC del 16 Dicembre 2013.
Durante la mattinata ci hanno consegnato dei moduli da compilare nel caso avessimo voluto intervenire e/o fare domande durante la seconda parte dell’Evento (nel pomeriggio).
Nel pomeriggio, gli interventi che ci sono stati erano quasi esclusivamente auto-promozionali, associazioni, soc. ecc…
La parte che avrebbe dovuto essere il “cuore” dell’Evento si è ridotta all’ultima ora, dove i rappresentati dell’ENAC hanno “cercato” di rispondere ad alcune delle nostre domande scritte, lo hanno fatto in modo rabberciato, con tanti “ci stiamo lavorando, è ancora da definire…” in modo molto “fumoso”.
In sostanza 7 ore di “chiacchiere”, sostanza poca!

Premesse e punti fermi fino ad ora (da me ravvisati)
Il regolamento del 16 Dicembre entrerà in vigore inderogabilmente dal 15 Febbraio 2014, indipendentemente dal fatto che le norme attuative e la modulistica non siano ancora presenti;
(se rimaniamo a terra è un nostro problema)
Le Norme che regoleranno l’uso degli APR sotto i 2kg. sono ancora da decidere;
Le operazioni in aree non critiche in V70 con APR sotto i 25Kg sono soggette alla sola autocertificazione;
L’Operatore ed il Pilota sono due “figure” che possono essere rappresentate anche da una sola persona;
Gli Operatori che presentano l’autocertificazione, saranno inseriti in una lista pubblicata sul Sito dell’ENAC tra le aziende autorizzate ad operare e in quale modalità, in questo caso in aree non critiche;
Il regolamento non prevede un regime sanzionatorio;
(attenzione a questo punto)
La “certificazione” del mezzo è prevista solo nel caso di produzione in serie, diversamente si parla di “autorizzazione”;
NESSUNO può volare in aree critiche, se non in possesso dell’autorizzazione ENAC, quindi mezzo e pilota autorizzati;
Non sono previsti brevetti di volo ma “autorizzazioni” per volare in aree critiche;
L’Operatore deve conoscere a fondo i propri “mezzi”, quindi gli auto-costruttori sono avvantaggiati, rispetto a quelli che hanno acquistato il mezzo a “scatola chiusa”;
Il Pilota oltre ad avere i “requisiti” psico-fisici deve conoscere il mezzo, ogni pilota può volare solo con il mezzo ad esso abbinato, se cambia il mezzo o il pilota l’autorizzazione decade;
Gli Enti pubblici e/o governativi NON sono soggetti a queste regole;
(attenzione a questo punto)

Le mie “impressioni”
Questo Regolamento è e rimane poco chiaro, troppo soggetto ad interpretazioni e ampiamente suscettibile di discrezionalità da parte dell’ENAC.
Come anche da loro stessi dichiarato durante l’Evento, l’ENAC, in fase di autorizzazione, valuterà caso per caso, questo ci mette in una posizione di incertezza del diritto.
L’ENAC sostiene che questa “elasticità” è a vantaggio degli operatori, io credo il contrario, la discrezionalità e una “brutta bestia”, soprattutto in Italia!
Un aspetto importante che è emerso riguarda gli APR auto-costruiti dagli operatori/piloti, questi sembra che avranno una chance in più riguardo l’ottenimento della eventuale autorizzazione ad operare in aree critiche rispetto a coloro i quali hanno acquistato mezzi costruiti da aziende o terzi non “professionali”.
Nella sostanza, se hai le capacità e le conoscenze tecniche che ti hanno consentito di realizzare un APR perfettamente funzionante in grado di superare le attività di test e “sperimentazione”, hai buone possibilità di ottenere l’autorizzazione del mezzo ad operare in aree critiche.
Rimane l’ostacolo della idoneità psico-fisica con certificazione medica di seconda classe, che a parer mio è una esagerazione, durante l’Evento un relatore ENAC ha detto “… il pilota deve avere le necessarie idoneità psico-fisiche per potrebbe anche operare dall’interno di un bunker in spazi angusti…”, si commenta da solo, probabilmente non conoscono il nostro lavoro!
Sinceramente non vedo come un APR di peso inferiore ai 25kg.possa essere più pericoloso di un SUV da oltre 2.000 kg. guidato a 50 Kmh nel centro della città, se parliamo di forza cinetica e capacità distruttiva e letale non c’è paragone, secondo me, sarebbe sufficiente una idoneità automobilistica, aggiornata alla tipologie di volo e al mezzo.
In tutto questo parlare emerge un’aspetto, secondo me non trascurabile, il Regolamento ENAC non prevede sanzioni, queste sono demandate alle sole forze dell’ordine che se attivate a tale scopo possono arrivare anche all’eventuale sequestro del mezzo, da questo mi scaturiscono due osservazioni:
1) se opero in area critica con l’autorizzazione delle autorità locali e delle forze dell’ordine ma senza autorizzazione ENAC, le forze dell’ordino non possono sanzionarmi, visto che opero con la loro autorizzazione oltre quella dell’autorità locali, e l’ENAC non può farmi nulla… quindi?
Un esempio potrebbe essere un intervento di emergenza in area critica in conseguenza ad esempio di una calamità naturale, non c’è il tempo di richiedere l’autorizzazione all’ENAC bisogna intervenire immediatamente…
2) se opero al di sopra di un insediamento industriale (area considerata critica) al di sopra di una proprietà privata ma con l’autorizzazione della proprietà, chi mi può dire cosa…?
Con queste “regole” esiste il concreto rischio che aumentino la attività abusive e a rischio!
Un’ultimo aspetto anche se di primaria importanza, se l’obbiettivo dell’ENAC è regolamentare il settore per aumentare la sicurezza, sempre nell’ambito degli APR sotto i 25Kg. come è possibile che gli Enti pubblici e/o governativi NON siano soggetti a queste regole, forse che il loro mezzi siano “speciali”, in base a quali parametri?

Concludo qui per ora, a tutti noi la scelta se subire o contribuire a migliorare questo “regolamento”

Carlo
 
Ultima modifica:

apolloeleven

Donatore generoso
Membro dello Staff
#3
Grazie Carlo, veramente interessantissimo.
Io ho semplicemente un ARDrone .... :) una caccavella che adopero con la GoPro :D .... ed al momento in genere lo faccio volare in campagna o in riva al mare.
Però sapere che stanno pensando (!) ad una regolamentazione credo sia utile per sapersi muovere correttamente.
 

Rosati58

Time-lapser attivo
#4
Grazie Carlo, veramente interessantissimo.
Io ho semplicemente un ARDrone .... :) una caccavella che adopero con la GoPro :D .... ed al momento in genere lo faccio volare in campagna o in riva al mare.
Però sapere che stanno pensando (!) ad una regolamentazione credo sia utile per sapersi muovere correttamente.
Purtroppo ti ricordo che vale anche per l'apparecchio che hai tu...
 

apolloeleven

Donatore generoso
Membro dello Staff
#5
Si lo so ;) però dovrà rientrare nella normativa al di sotto dei 2Kg che come hai scritto è ancora da definire ... oppure ho compreso male.
In più per quel che faccio lo utilizzo solo in aree non critiche.
Spero inoltre che quando deciderò di prendere un drone più drone la normativa risulti essere un tantino più certa e decisa.
A prescindere dalla questione sanzionatoria, che probabilmente limiterebbe fortemente la vendita soprattutto di droni come il mio, penso che stiano cercando a livello statale come lucrare sulla questione: autorizzazioni, certificazioni e quant'altro serva per l'operatore/pilota (che motivo c'era di distinguere fortemente le due figure?) avrà sicuramente un costo .... boh! penso male!? :)
 

Rosati58

Time-lapser attivo
#6
Operatore e pilota possono essere la stessa persona, per gli APR sotto i 2kg. è ancora tutto da definire ma non so come andrà a finire... :(
 
#7
operare dall’interno di un bunker in spazi angusti…”, si commenta da solo, probabilmente non conoscono il nostro lavoro!
In quelli Spazi chiuderei tutta quella Gente Che legifera eh si inventano di tutto, fino a morte certa, pur di rimanere attaccati alla sedia Super Stipendiata, Sono degli emeriti F.D.P
Scusatemi! ma oggi non è giornata per il sopracitato regolamento!


"Grazie Rosati"
 

Mamo

Donatore generoso
#8
Una domanda da perfetto ignorante della materia.
Ma cos'è una zona critica? In pratica tutto?
Salvo dice di far andare il suo drone in campagna e in riva al mare.
Anche queste sono zone critiche?
 

Rosati58

Time-lapser attivo
#9
Operazioni in zone non critiche si intendono quelle operazioni che non prevedono il sorvolo, anche in caso di avarie e malfunzionamenti, di:
  • aree congestionate, assembramenti di persone, agglomerati urbani e infrastrutture;
  • aree riservate ai fini della sicurezza dello Stato;
  • linee e stazioni ferroviarie, autostrade e impianti industriali.

Esse sono condotte nel volume di spazio “V70” e nell’ambito delle seguenti condizioni:
  • ad una distanza orizzontale di sicurezza adeguata dalle aree congestionate, ma non inferiore a 150 m, e ad una distanza di almeno 50 m da persone e cose, che non siano sotto il diretto controllo dell’operatore;
  • in condizioni di luce diurna;
  • in spazi aerei non controllati;
  • fuori dalle ATZ e comunque ad almeno 8 km dal perimetro di un aeroporto e dai sentieri di avvicinamento/decollo di/da un aeroporto.
Allego un piccolo schema
 

apolloeleven

Donatore generoso
Membro dello Staff
#10
:D poi ti capitano certe cose .....

... e da noi ci arresteranno!!! :D :D .... (Tony sta'bono ;))
 

chi siamo

Time Lapse Italia è la community italiana dedicata alla fotografia time-lapse.

Impara la tecnica, condividi le tue esperienze e migliorati guardando i video più belli... gratuitamente ed in italiano!

© 2013-18 Time Lapse Italia - Creato da Marco Famà

invia il tuo video

Segui BENE tutte le istruzioni disponibili in questo breve tutorial e raggiungi la home-page di Time Lapse Italia
Alto