Fasce riscaldanti anti condensa

#1
Salve a tutti..
Vorrei approfondire questo, che sembra essere più argomento di astronomia.
Mi sono documentato sulle fasce anticondensa quando mi sono trovato di fronte al problema
(e ahimè un'altra sessione nel cestino:arghh:).
Mi chiedevo:
voaltri usate codeste fasce anticondensa(o dew remover)??
Se sì, le avete acquistate o autocostruite?
Se l'avete autocostruite, avrete la bontà di fare una piccola descrizione della costruzione della vostra fascia con dati e foto? :D

Ho trovato qualche schemino sul web ma sono tutti per l'utilizzo su telescopio e non saprei rapportare le misure di potenza alla lente degli obiettivi fotografici.
So' di chiedere qualcosa di Non comunissimo, ma sono sicuro che nel forum c'è qualcuno che sappia come fare;)

Saluti e Grazie :)
 

mancae90

Time-Lapser Novizio
#2
Premetto che non ne so molto ma a quanto ho capito queste fasce servono per tener caldo le lenti dell'obiettivo, vero?
Ciancio alle bande googolando un po' sono arrivato ad un sito il quale fornisce bande realizzate per diverse misure (dai 31mm circa ai 16 pollici), a fondo pagina è indicato anche l'amperaggio di ogni fascia per dimensione http://www.otticasanmarco.it/catalog.asp?page=prod&prodID=2582&famId=2
 

Marco Famà

Fondatore del progetto TLI
Membro dello Staff
#3
#5
Ciao Jim,
io mi autocostruisco le fasce da tanto tempo per tutti i miei telescopi, obiettivi, etc... più o meno andando a occhio con l'esperienza riesco a dimensionare correttamente le fasce.

Prima o poi scriverò un articoletto, magari partendo da quanto qui sotto.

La prima cosa da fare è dimensionare la parte elettrica.
  • Potenza dissipante richiesta. Per obiettivi fotografici direi che 2.5 W sono sufficienti. Per telescopi da 10 cm meglio 10 W, per 20 cm 20 W, per 30 cm 30 W.
  • Tensione. Solitamente si alimenta tutto da batterie 12 V.
  • Numero di resistenze N. N=10 è un buon numero che permette di distribuire equamente il carico
  • Connessione. In serie è più comodo da costruire ma il parallelo permette una maggiore affidabilità (se si rompe una saldatura, va ancora anche se consuma di più). Cmq consiglio in serie.
  • Valori di resistenza. Si ricava la resistenza totale da R(tot)=V^2/P, e la resistenza delle singole resistenze da R(serie)=R(tot)/N, oppure R(parallelo)=R(tot)*N.
  • Potenza delle resistenze. Deve essere superiore a P(res)>P/N, meglio abbondare con resistenze almeno 2-4 volte maggiori.
  • Consumo effettivo (da tener conto per acquistare una batteria adeguata). Corrente I=P/V
Esempio per obiettivo standard:
  • P=2.5 W
  • V=12 V
  • N=10
  • Connessione: in serie
  • Valori resistenze R(tot)=57.6 ohm, R(serie)=5.8 ohm (da scegliere un valore simile disponibile in negozio)
  • Potenza resistenze. P(res)>0.25 W, quindi sceglierei almeno da 0.5 W o meglio 1 W.
  • Consumo effettivo. I=0.2 A, quindi una batteria al piombo da 10 Ah, con attaccata anche una dslr da 0.25 A e un dolly da 0.1 A, totale consumo 0.55 A. Durata prevista 10Ah/0.55A=18h, durata effettiva circa la metà specie al freddo.
 
#6
Parte meccanica.

Consiglio di incorporare la serie di resistenze all'interno di un tubo termorestringente, che gli darà sufficiente robustezza. Consiglio di dargli la forma curva a caldo nel momento del termorestringimento.

Successivamente conviene inglobare il tubo ottenuto all'interno di una fascia di velcro forata e con velcro maschio/femmina sui due lati. Consiglio la versione da 2 cm di larghezza, da far cucire a "sacchetto" chiuso a una estremità e aperto dall'altra. Il tubo con le resitenze andrà infilato dentro e ci rimarrà senza scivolare fuori vista la curvatura.

Il cavo di collegamento. Consiglio di usare un cavo di tipo audio 1 polo + schermo, con rivestimento gommato morbido per non indurire al freddo.

Come connettore io mi sono standardizzato sugli RCA dorati, sono molto affidabili e fino a circa 1-2 A di corrente non hanno problemi.

Cercherò qualche foto delle mie fasce e le posterò appena possibile.

Lorenzo
 
#10
Con i watt espressi nelle resistenze non si intende la potenza massima sopportabile dal componente?
P è la potenza totale dissipata, P(res) è la potenza dissipata sulla singola resistenza. Le resistenze piccole standard sono da 0.25 W, ma vendono quelle maggiorate da 0.5 W o 1 W che costano un'inezia in più. Dai 5 W in su invece ci sono quelle ceramiche.

Lorenzo
 

chi siamo

Time Lapse Italia è la community italiana dedicata alla fotografia time-lapse.

Impara la tecnica, condividi le tue esperienze e migliorati guardando i video più belli... gratuitamente ed in italiano!

© 2013-18 Time Lapse Italia - Creato da Marco Famà

invia il tuo video

Segui BENE tutte le istruzioni disponibili in questo breve tutorial e raggiungi la home-page di Time Lapse Italia
Alto