Software & Apps

Il progetto Sequencer, ovvero come fare dei time-lapse animati con il mouse!

Quello che ti presentiamo oggi è un progetto open source (può quindi essere utilizzato da chiunque per progetti non commerciali – licenza GPL) che non ha precedenti: pensa ad un time-lapse, e pensa al tuo mouse che si muove dentro un browser web. Ora pensa di poter controllare il filmato a tuo piacimento con il mouse dentro al browser: questo è Sequencer.

Sequencer è il sistema che ti consente di riprodurre, a tuo piacimento, una sequenza arbitraria di immagini soltanto attraverso l’utilizzo del mouse e all’interno del browser web.
In questo articolo vediamo di cosa si tratta e come funziona.

Sono stato contattato via mail pochi giorni fa dall’ideatore del progetto, Andreas Gysin.
Andreas mi mostrava, attraverso il suo sito Internet, come fosse possibile controllare una sorta di video time-lapse attraverso l’uso del mouse: semplicemente fantastico, e niente che avessi mai visto prima d’ora.

Ho quindi ritenuto che il progetto potesse essere d’interesse per i lettori di TLI, e ho chiesto ad Andrea di raccontare la sua storia e di spiegarci bene di cosa si tratta.

Il progetto Sequencer

Sequencer: l’idea alla base

L’idea mi venne diversi anni fa lavorando con un programma di montaggio video: mi affascinava spostare la “testina di lettura” sulla timeline dell’editor e poter controllare la velocità di riproduzione dei filmati e addirittura poterli vedere a rovescio.

In quel periodo ero anche interessato a capire la dinamica di fumi, fluidi e nuvole e così cominciai a scattare sequenze fotografiche degli spostamenti delle nuvole.
Questi due interessi si sono uniti dando vita all’idea che sta alla base di “Sequencer”.

Serviva dunque un sistema semplice per mettere in sequenza e poi controllare un numero arbitrario di immagini. In più volevo che il risultato fosse visibile all’interno di un browser per poter pubblicare gli esperimenti online.

Le fasi dello sviluppo

Scrissi quindi una prima versione del programma in Shockwave, un plug in simile a Flash ormai defunto. Fui quindi costretto a trasportare il programma su Flash; la performance fu addirittura superiore.

Ma oggi anche Flash ha i giorni contanti (un po’ come tutti i prodotti proprietari che girano per la rete). Fu quindi normale passare a JavaScript: la velocità con cui le immagini vengono affissate non è di molto inferiore ed in più i progetti possono essere anche visualizzati su telefoni sufficientemente potenti.

Per creare un’animazione basta caricare lo script in una pagina HTML e passare alcuni parametri per la configurazione.

Aspetti tecnici

La versione attuale comprende diversi sistemi per riprodurre in rapida sequenza le immagini: sono state realizzate come prova per poter capire quale strada seguire.

Assieme al programma principale c’è anche un piccolo script di benchmark che permette di misurare la performance dei vari sistemi sui diversi browsers.

Visto che il numero di files da caricare per un buon timelapse di solito è piuttosto grande ho integrato anche un sistema di preloading che scarica dal server più immagini simultaneamente (implementato però solo in uno dei sistemi).

Le modalità di configurazione e utilizzo

Il programma è facile da configurare e ci sono diverse opzioni da poter scegliere, tra cui:

Tre modalità di riempimento:

  • “cover” riempie tutta la finestra del browser
  • “fit” ridimensiona é’immagine per farla contenere integralmente
  • “auto” non applica nessun tipo di ridimensionamento

Tre modalità di playback (altre in preparazione):

  • “mouse” per poter interagire con l’animazione (gli assi sono configurabili con x, -x, y, -y)
  • “loop” per un playback automatico, tipo filmato (la velocità è configurabile)
  • “ping-pong” per un playback avanti e indietro

Limiti attuali

  • I tempi di caricamento sono piuttosto lenti.
  • La performance varia tantissimo sulle diverse piattaforme
  • Il limite di immagini caricabili dipende dalla memoria di sistema

Provalo anche tu!

La cosa migliore da fare è provare questo lavoro andando alla pagina del progetto e provando alcuni esempi:

http://ertdfgcvb.com/stopmotion-experiments/
http://ertdfgcvb.com/stopmotion-experiments-1/

Che te ne pare? Pensi anche tu che il progetto meriti attenzione? Lascia il tuo commento su questa pagina!

Clicca per commentare

Lascia un Commento

Al Top
Condividi